Il Convegno dei familiari della Fraternità Francescana di Betania si è svolto quest’anno nella sua decima edizione al Centro Giovanni Paolo II di Loreto. Molte famiglie di amici, gruppi di preghiera, oblati e giovani hanno partecipato con entusiasmo, nonostante le avverse condizioni del meteo. Il tema che abbiamo affrontato è stato quello dell’unità: “Perché tutti siano una cosa sola” (Gv 17,21) e in esso abbiamo evidenziato come sia proprio la misericordia il filo rosso che lega le relazioni fraterne nell’umiltà e nella pace. La prima catechesi ce l’ha proposta il nostro superiore generale fra Paolo Crivelli dal titolo: “Umiltà via per l’unità nella vita di Padre Pancrazio”, in essa ha messo in luce la virtù dell’umiltà che il padre ha vissuto nella sua vita come strada per l’unità vera. Attraverso gli eventi della sua vita il Padre ci ha trasmesso, tra i molti altri, proprio questo impegno ad amare Dio facendo straordinariamente bene le cose ordinarie, creando sempre con tutti ponti di comunione. La seconda catechesi l’ha tenuta il Cardinale Arcivescovo di Ancona S. Em. Card. Edoardo Menichelli che ci ha condotti nell’approfondimento del tema della “misericordia fonte dell’unità” attraverso la lettura di alcuni punti della bolla di indizione del Giubileo Misericordiae Vultus di Papa Francesco. Nel pomeriggio abbiamo ascoltato la testimonianza di una giovane coppia di sposi appartenenti alla comunità Nuovi Orizzonti, Denis Turchi e Giovanna Oroni, che attraverso la loro vita ci hanno testimoniato la verità delle parole ascoltate nelle catechesi: di come cioè la misericordia sia un dono e un impegno, la realizzazione del dono che Dio ci fa del suo perdono e quindi di come noi possiamo restituirlo al nostro prossimo. Ultimo insegnamento, quello preparatorio alla consacrazione a Maria, ce lo ha donato fra Antonio Carfì, sacerdote della Fraternità dei Piccoli fratelli e sorelle dell’Immacolata, che ci ha mostrato come attraverso l’imitazione della Madonna: “Maria, Madre di misericordia”, possiamo ottenere la grazia di un cuore misericordioso verso noi stessi e verso il nostro prossimo. Un Convegno di spessore dunque, sia per la qualità dei relatori, che per i contenuti che ci hanno arricchito e nutrito nel cammino spirituale della fraternità insieme a tutti i Familiari e amici. Non ultimo, il Convegno quest’anno è stato arricchito dalla presenza di numerosi Giovani di Betania che nell’ anno 2016 festeggiano il decennale dall’inizio del cammino. Hanno organizzato per la prima serata un concerto preghiera dal titolo: “Giovani a Ritmo di Dio” per condividere con tutti i Familiari la loro festa. Attraverso video, canti e testimonianze hanno regalato a tutti la gioia dell’appartenenza alla Fraternità e la bellezza di essere giovani in cammino, missionari della gioia di Cristo. Ringraziamo il Signore che ci ha fatto vivere questi tre giorni di grazia in cui abbiamo tutti sperimentato una particolare presenza spirituale del nostro Fondatore Padre Pancrazio, che veglia sempre su di noi, gioisce con noi e ci accompagna premurosamente dal cielo. Alleluja!

Articolo di Sor Franscesca Entisciò